Nuova Normativa:  2022 Privacy Policy, Cookie Policy, GDPR

La normativa GDPR

Era il 25 maggio 2018 quando la General Data Protection Regulation, ovvero la normativa GDPR, entrava in vigore.

Questa ha leggermente scombussolato gli equilibri del web, in quanto la maggior parte dei portali online, specie quelli realizzati con WordPress, non era caratterizzata da tutti gli elementi in grado di offrire quel tipo di protezione dei dati degli utenti che si iscrivevano al portarle oppure che vi navigavano.

Pertanto il panico, sommato alla spiegazione relativa alle sanzioni pari a una percentuale del fatturato annuale oppure a 20 milioni di euro, ha generato una sorta di ricerca estenuante a tutti gli strumenti che permettono di migliorare il sito e renderlo conforme alle diverse normative entrate in vigore.

Non tutti, però, hanno deciso di aggiornare il portale e proprio per tale motivo è importante capire come procedere per evitare che le sanzioni, salate e tutte le altre complicazioni, possano rendere la propria attività online meno piacevole del previsto.

Quali servizi GDPR servono per il proprio "sito web"

Affinché sia possibile avere un sito online che rispetti la normativa del trattamento dei dati, nonché eviti di violare le nuove direttive in merito alla privacy, è necessario compiere diversi passaggi per aggiornare il proprio sito web in WordPress.

In particolar modo ogni sito web che si rispetti deve necessariamente avere:

    • una privacy policy in italiano se il sito é solamente in lingua italiana, altrimenti una privacy per ogni lingua.
    • un cookie policy generator;
    • il check box nel form di contatti non spuntata;
    • una delle ultime versioni del plugin per la compilazione del GDPR.
    • Registrazione dei consensi ottenuti
    • Se il sito permette la registrazione di account per gli utenti, anche dei form per la cancellazione dei dati in automatico o invio richiesta.

Questi elementi sono quelli necessari per trasformare il proprio sito online da poco sicuro, quindi definito come non legale, a perfetto sotto ogni punto di vista, quindi in grado di far fronte alla nuova normativa GDPR.


In realtá c’é dire che la GDPR non si ferma solo al sito ma ci sono ulteriori elementi da analizzare.

Vediamo ora quali sono tutti i diversi aspetti e come questi possono essere implementati nei siti web.

I siti web e l’aggiornamento

La versione minima consigliata affinché il tuo sito possa essere definito come legale e in grado di offrire il massimo grado di sicurezza.

Essendo questo servizio in costante aggiornamento si potrebbe temere che tutte le altre versioni non siano adeguate: in realtà proprio da quella minima è possibile avere la certezza che tutti gli altri elementi possano essere installati correttamente e con grande facilità sul proprio sito internet.

Tutte le versioni mantenute oggiornate con versioni rilasciata dopo il 2018 e dall’approvazione della normativa GDPR.
Questa, infatti, venne studiata proprio per offrire, ai proprietari dei siti web, tutti gli elementi necessari affinché la piattaforma potesse essere accompagnata da tutti gli altri strumenti necessari per poter operare in totale sicurezza e offrire ai clienti tutte le diverse parti del sito che rispettano la privacy.

Infatti il team di Elix ha aggiunto degli strumenti di base ne siti realizzari come:

  • Esporta dati personali
  • Elimina dati personali
  • Aggiunta di una pagina standard chiamata “Privacy Policy” con una sorta di template iniziale da compilare

Per essere sicuri dell'ultima versione è necessario controllare se ci sono novità recandosi nella schermata degli aggiornamenti del proprio sito web.
Qualora la versione del proprio sito sia inferiore a quella base per il GDPR, occorre semplicemente scaricare e installare l’aggiornamento.
Il sito non viene assolutamente stravolto nelle forme e nei contenuti ma, al contrario, diventa pronto per essere caratterizzato dai servizi GDPR per WordPress, ovvero i vari plugin necessari che consentono il rispetto delle attuali normative in vigore.

Il plugin per il cookie policy generator

Come primo tra i servizi GDPR per i siti web è quello della generazione e politica dei cookie, ovvero per la raccolta di informazioni come indirizzo IP e altri che possono essere utilizzati con terze parti, come siti social e altri, il cui obiettivo è quello di rendere la navigazione online migliore.

Un plugin che ti permette di generare questa politica è GDPR Cookie Consente di generare un messaggio personalizzato nel quale viene riportata la normativa relativa a questo aspetto. Come generatore si tratta di una buona scelta dato che permette di personalizzare anche il box nel quale viene mostrata la normative, quindi offre un certo grado di unicità.

Altro aspetto molto importante è dato dalla possibilità di accettare o rifiutare i cookie da parte dei visitatori del sito, così come gli stessi possono decidere anche di optare per la revoca della licenza concessa in un primo momento.

Altro aspetto molto importante è dato dalla possibilità di aggiungere o rimuovere i suddetti cookie, semplicemente impostando la tipologia e i tipi di dati raccolti.

Pertanto questo tipo di plugin rappresenta un tipo di scelta perfetto che permette di avere il sito web quasi in regola, dico quasi perché devi avere tutte le normative aggiornate e per questo motivo ti consiglio sistemi tipo "iubenda".

Il il check box nel form di contatti non spuntata

Una delle diverse normative introdotte dal GDPR riguarda la presenza del check box nel form di contatti non spuntata.
Ora questo insieme di termini potrebbe creare non poca confusione: questo elemento altri non è che il box nel quale è possibile inserire il commento e che viene accompagnato da una serie di informazioni.
Per adeguare alla normativa il sito è possibile sfruttare il plugin per i form, che permette di creare un box nel quale sono presenti tutte le diverse informazioni.
In primo luogo è possibile inserire i dati che devono essere inseriti da chi vuole ricevere assistenza o semplicemente effettuare un commento sul sito.

Quanti checkbox deve avere un form di contatto per essere conforme alla GDPR?

Una delle diverse normative introdotte dal GDPR riguarda la presenza del check box nel form di contatti non spuntata.
Ora questo insieme di termini potrebbe creare non poca confusione: questo elemento altri non è che il box nel quale è possibile inserire il commento e che viene accompagnato da una serie di informazioni.
Per adeguare alla normativa il sito è possibile sfruttare il plugin per i form, che permette di creare un box nel quale sono presenti tutte le diverse informazioni.
In primo luogo è possibile inserire i dati che devono essere inseriti da chi vuole ricevere assistenza o semplicemente effettuare un commento sul sito.


Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere offerte e promozioni...

Copyright "ELIX.IT" è una divisione di PhotoArt.it di Stefano Palai
Via Isonzo, 14 - 59100 - Prato - Piva: 02128270978 - Cell: 371 1612153